Questo sito non utilizza cookies

Architettura e opere d'arte

Chiesa dentro La struttura trecentesca appare pressoché inalterata; la facciata gotica è a capanna, in pietra arenaria con archetti pensili e un portale cuspidato che introduce all'interno di una navata unica, coperta da capriate lignee. In fondo il presbiterio è tripartito da pilastri ottagonali, che sostengono archi e volte a sesto acuto con costolature.

Sotto la volta centrale la tavola rappresentante, la deposizione del Cristo morto, opera di Niccolò di Pietro Gerini (XIV sec), restaurata dall'Opifìcio delle Pietre Dure di Firenze e riallocata dal giovedì Santo 2015.



Nelle lunette degli archi si possono ammirare le scene della vita di San Carlo Borromeo, restaurate nel 2005.

Affresco - primo da sinistra Affresco - secondo da sinistra Affresco - secondo da destra Affresco - primo da destra Presentazione di Gesù al Tempio - Fabrizio Boschi (1572-1642)

A destra dell'altare di recente restaurato possiamo ammirare la "Presentazione di Gesù al Tempio" di Fabrizio Boschi (1572-1642). Il resto della parete superiore è decorato da motivi geometrici e quadrature tardo trecentesche.

La gloria di San Carlo Borromeo -  Matteo Rosselli (1616) Sulla parete sinistra si trova la Gloria di San Carlo Borromeo, una grande tela di Matteo Rosselli (1616), esposta nell'originaria cornice dorata barocca, che si trovava sopra la porta d'ingresso fino al restauro della primavera del 2006.




Sulla parete di destra si trova l'antico crocifisso in legno policromo dell'Orcagna (XIV), L'antico crocifisso in legno policromo dell'Orcagna ai piedi del quale, è stato posto un bronzo moderno (2006) dello scultore Ceccarelli, rappresentante S. Pio da Pietralcina, giovane, che riceve le stimmate e la preziosa reliquia del guanto del santo (2009).

Da notare ancora l'altare in pietra serena (2005), il battistero di bronzo e pietra serena (2007) dello scultore armeno, Vigen-Avetis, Icona della Vergine della Tenerezza con sullo sfondo l'icona della Vergine della Tenerezza, opera della pittrice francese Nicole de Warlincourt, e infine l'ambone in bronzo dello scultore pugliese Palù, che rappresenta il roveto ardente (2006), dal quale Dio parlava a Mosé.

Di grande interesse poi sono gli affreschi di fattura quattrocentesca ritrovati nel 2006 durante i lavori di restauro della chiesa: essi ornano le capriate e la parte frontale del presbiterio.

La bussola di accesso Degna di nota infine è la bussola di accesso (2006) che, essendo trasparente, crea un legame diretto tra la chiesa e l’umanità che le passa davanti.

Niccolò di Pietro Gerini (XIV sec)





San Carlo

Dal Lunedì al Venerdì:

13.30 - S. Messa

Sabato e prefestiva

18.30 - S. Messa animata dalla Comunità dell’Emmanuele

Domenica

18.00 - S. Messa vespertina


Orsanmichele

Domenica:

11.30 - S. Messa

map Vedi la mappa più grande
Via dei Calzaiuoli
50122 Firenze (FI)
Ufficio: Via dei Tavolini, 7
Tel./fax: +39 055 2741632